Il Pane per l'Anima
(www.pane.sitoweb.net)

                                                                                                                                                                                              
 
HOME
ISCRIZIONE REGALA MODIFICA RIMOZIONE PROPONI INFO ARCHIVIO INSEGNAMENTI MEDJUGORJE AUTORE TESTIMONIANZE Privacy
                                                                                                                                                                                              
Il pane per l'anima in rss feed 732 Iscritti dal 2/9/1998
Il Passo del giorno

Salmi 96,1
(Passo)
Il Signore regna, esulti la terra,
gioiscano le isole tutte.


Ricerca

Mese
Anno
Categoria
Ordine
Asc Disc
Contenuto



Il messaggio del 12/12/2007 e':

Gesù, Re delle nostre vite
(Messaggi Medjugorje)

GESÙ – RE DELLE NOSTRE VITE

"Cari figli, oggi, quando festeggiate Cristo Re di tutto il creato, desidero che Egli sia il re della vostra vita. Solo attraverso la donazione, figlioli, potete comprendere il dono del sacrificio di Gesù sulla croce per ciascuno di voi. Figlioli, date del tempo a Dio, affinché Egli vi trasfiguri e vi riempia con la sua grazia, cosicché voi siate grazia per gli altri. Io sono per voi, figlioli, un dono di grazia d’amore che viene da Dio per questo mondo senza pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata." Messaggio del 25 novembre 2007

Commento al Messaggio del 25 ottobre 2007

La Madonna, nel suo ultimo messaggio, ci invita a scegliere Cristo, Re di tutto il creato, perché diventi re delle nostre vite. Cristo non è un re come gli altri, vestiti di porpora e col mantello, con in testa una corona ed il desiderio di comandare sugli altri. Cristo Re, con la sua vita, si distingue completamente dai re della terra. Egli li sovrasta e li supera, ponendo le basi di un regno di pace, d’amore e di perdono. Il regno di Gesù non s’è mai manifestato come un pericolo o una minaccia. Si espande continuamente, è la realtà e l’ideale al quale aneliamo. Gesù è un sovrano vero ed autentico, che è venuto al mondo per servire in piena umiltà. Soltanto colui che serve il suo prossimo può essere davvero re, in base all’esempio di nostro Signore Gesù Cristo. La vera sottomissione consiste nel vedersi come realmente si è: nel riconoscere i nostri talenti e nel ringraziare Dio per averceli dati, ma anche nel riconoscere le nostre debolezze e nell’accettarci così come siamo,
sapendo che, nonostante tutto, Dio ci ama. Questa consapevolezza ci dà una grande gioia, ma, nel contempo, ci chiama ad una grande responsabilità, che comporta servizio e sottomissione.

La Madonna c’insegna e, nel contempo, c’invita anche a donare, perché soltanto così possiamo comprendere il dono del sacrificio di Gesù sulla croce, che possiamo a buon diritto chiamare “la vittoria dell’amore”. Egli, che ci ha insegnato ad amare il prossimo ed ancor più i nostri nemici, è rimasto coerente alle proprie parole sino alla fine: “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gio. 15, 13). A causa di quest’amore, Gesù sopportò la vicinanza anche di chi lo avrebbe tradito, senza denunciarlo; non permise a Pietro di difenderlo con la spada, e quando questi lo rinnegò, lo seppe generosamente perdonare. Chi, nel nome di Gesù, ha indirizzato il corso della propria vita verso quest’amore, ha contribuito più di chiunque altro alla creazione del Regno di Dio sulla terra.

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito (cfr. Gio. 3, 16). E La Madonna c’invita a comprendere il dono del sacrificio di Gesù sulla croce, che è il dono più grande tra tutti i doni. Donandoci Suo Figlio, Dio ci ha donato il proprio cuore, tutta la profondità del suo amore. Non c’è dono più bello e più grande di questo. Gesù ci ha amati sino alla fine, donandoci tutto se stesso. Venendo a questo mondo, è diventato un continuo dono per tutti noi. È venuto per farci dono del suo amore. Noi abbiamo diritto di ricevere il suo dono soltanto se ci mettiamo totalmente nelle sue mani, perché ci trasformi e ci riempia della sua grazia. Così trasformati (ma possiamo anche dire convertiti), anche noi possiamo essere portatori di grazia per gli altri. Possiamo fungere da occhi per i ciechi, orecchie per i sordi, lingua per i muti, mani e gambe per i bisognosi.

Gesù è il Re del mondo ed il regalo più grande. Egli ci ha mandato qui, a Medugorje, Maria, la sua e la nostra madre, la nostra Madre celeste che è un dono di grazia per tutti noi. La voce della Madonna, Regina della pace, per tutti questi 26 anni, è un invito di pace nei cuori degli uomini, un invito alla pace nel mondo. Che lei, prescelta da Dio ed accolta nel Regno di suo Figlio, ci aiuti ad accogliere Gesù come Sovrano delle nostre vite, affinché possiamo fedelmente cooperare all’espansione del suo Regno d’amore, di giustizia e di pace.

Padre fr. Danko Perutina
Medugorje, 26.11.2007




Dichiarazioni

 In conformita' ai decreti di Urbano VIII e alle direttive del Concilio Vaticano II,
non intendiamo in alcun modo prevenire il giudizio sull'autenticita' soprannaturale di fatti  e di messaggi di cui si facesse cenno in questo sito.
Tale giudizio compete alla Chiesa, a cui ci sottomettiamo pienamente.
 Le parole "apparizioni, miracoli, messaggi " e simili, hanno qui semplice valore di testimonianza umana.

 Quanto e' contenuto in questo sito che  non fosse in conformita' con gli insegnamenti della Chiesa  concernente la dottrina cattolica sulla fede e sulla morale,
fin d'ora lo ritrattiamo perche' consideriamo la Chiesa Cattolica nostra madre
 e l'unica garante del deposito della Rivelazione e di ogni sua interpretazione.


Torna all'inizio



 
@ 1996-2018 By Danilo da Ragusa. Tutti i diritti riservati