Il Pane per l'Anima
(www.pane.sitoweb.net)

                                                                                                                                                                                              
 
HOME
ISCRIZIONE REGALA MODIFICA RIMOZIONE PROPONI INFO ARCHIVIO INSEGNAMENTI MEDJUGORJE AUTORE TESTIMONIANZE Privacy
                                                                                                                                                                                              
Il pane per l'anima in rss feed 724 Iscritti dal 2/9/1998
Il Passo del giorno

Efesini 5,6
(Passo)
Nessuno vi inganni con vani ragionamenti: per queste cose infatti piomba l'ira di Dio sopra coloro che gli resistono.



Ricerca

Mese
Anno
Categoria
Ordine
Asc Disc
Contenuto



Il messaggio del 21/12/2015 e':

Il Perdono
(Riflessione)

-Non e' cristiano chi non sa perdonare, perché Gesu' ha detto: “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13, 35).
-Siamo peccatori. Viviamo nel continuo perdono di Dio e grazie al perdono di Dio. Gesu' ha insegnato: “Se perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonera' anche a voi, ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonera' le vostre colpe” (Mt 6, 14-15).
-Bisogna perdonare sempre, perché Gesu' lo comanda: “Signore, quante volte dovro' perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?”. Gesu' gli rispose: “Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette” (Mt 18, 21-22)
-Non basta sopportare i nemici, bisogna amarli. Gesu' ha detto: “Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori” (Mt 5, 44)
-Bisogna perdonare anche quando abbiamo ricevuto torti gravissimi, perché l’ha fatto Gesu'. Gesu' ha pregato cosi' per i suoi crocifissori: “Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno” (Lc 23, 34)
-Componi un elenco delle persone che ti hanno fatto soffrire e presentalo a Dio, ogni giorno nella preghiera, chiedendo la sua benedizione su di loro. L’ha insegnato Gesu': “Padre, perdona a noi le nostre colpe, come noi perdoniamo a quelli che ci hanno offeso” (Mt 6, 12) E non dimenticare le persone che tu hai fatto soffrire.
-Non confondere la sensibilita' ferita col rifiuto di perdono. Di fronte a certe offese e' naturale che la nostra natura si ribelli. Il perdono e' ad un livello piu' profondo, parte dalla volonta'. È sempre possibile con la forza di Dio: “Tutto e' possibile presso Dio” (Mc 10, 27)
-Padre, non sia fatta la mia, ma la tua volonta'” (Lc 22, 42)
-Signore, non prevalga in noi il nostro sentimento, ma l’azione del tuo Spirito Santo” (Liturgia - XXIV settimana)
-Impara anche a perdonare a te stesso: se Dio ti perdona non c’e' motivo per continuare a incolpare te stesso.Quando sei pronto ad uscire dal male, Dio e' pronto al perdono: puoi lasciare alle spalle il tuo passato per vivere nella gioia e nella generosita' il presente: “La tua bonta', Signore,mi ha fatto crescere” (Sal 18, 36)
-Il perdono, ricevuto e dato, e' una fonte inesauribile di gioia e di liberta' interiore: ci libera dall’aggressivita', dall’istinto di vendetta e da ogni forma di violenza che soffoca in noi l’amore. Il perdono e' vera guarigione, perché ci porta alla verita' di noi stessi: l’amore. Gesu' ha detto:
-Siate misericordiosi, come e' misericordioso il Padre vostro… Non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sara' perdonato; date e vi sara' dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sara' versata in grembo, perché con la misura con cui misurate sara' misurato a voi in cambio” (Lc 6, 36 ss)
-Davanti alle tue durezze verso i fratelli e alla tua mania correttiva, pen-sa un po’ alle tue colpe. Quando vediamo troppo la miseria altrui e' segno che abbiamo perduto di vista la nostra. Dice Gesu': “Perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio?” (Mt 7, 3)
-Impariamo anche ad accogliere il perdono degli altri: e' segno di umilta', perché e' riconoscere i nostri limiti ed e' riconoscere che abbiamo bisogno della misericordia dei fratelli. Consegnarci al perdono di Dio ed al perdono dei fratelli e' una strada di vera liberta' da se stessi.
-Accoglietevi gli uni gli altri come Cristo accolse voi” (Rom 15, 7)
-Siate benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda, come Dio ha perdonato a voi in Cristo” (Ef 4, 32)
-Signore, mi abbandono alla tua fedelta', ora e sempre” (Sal 52, 10)
-Il dovere del perdono e' prima del dovere della preghiera. Gesu' ha detto:"Se presenti la tua offerta sull’altare e li' ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia il tuo dono davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono" (Mt 5, 23-24)
-I frutti piu' belli dell’abitudine al perdono sono la mitezza e la benevolenza verso tutti. Gesu' chiede ai discepoli di seguirlo su questa strada:
-Imparate da me, che sono mite ed umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime” (Mt 11, 29)
-Paolo insegnava cosi' ai primi cristiani:
-Fratelli, rivestitevi, come amati di Dio, santi e diletti, di sentimenti di misericordia, di bonta', di umilta', di mansuetudine, di pazienza… Come il Signore vi ha perdonato, cosi' fate anche voi. Al di sopra di tutto poi vi sia la carita', che e' il vincolo di perfezione”. (Col 3, 12 ss)

Movimento Contemplativo Missionario
"P. De Foucauld" Corso Francia 129, Cuneo

Mi riposo per il periodo estivo dal 9 luglio. I messaggi de Il pane per l'anima continueranno a essere inviati dal 3 Settembre. Un buon riposo a tutti e Dio vi benedica!!



Dichiarazioni

 In conformita' ai decreti di Urbano VIII e alle direttive del Concilio Vaticano II,
non intendiamo in alcun modo prevenire il giudizio sull'autenticita' soprannaturale di fatti  e di messaggi di cui si facesse cenno in questo sito.
Tale giudizio compete alla Chiesa, a cui ci sottomettiamo pienamente.
 Le parole "apparizioni, miracoli, messaggi " e simili, hanno qui semplice valore di testimonianza umana.

 Quanto e' contenuto in questo sito che  non fosse in conformita' con gli insegnamenti della Chiesa  concernente la dottrina cattolica sulla fede e sulla morale,
fin d'ora lo ritrattiamo perche' consideriamo la Chiesa Cattolica nostra madre
 e l'unica garante del deposito della Rivelazione e di ogni sua interpretazione.


Torna all'inizio



 
@ 1996-2018 By Danilo da Ragusa. Tutti i diritti riservati